Epilessia da vaccinazione

Ho una bimba di 7 mesi a cui è stata diagnosticata un'"Epilessia parziale complessa". I primi segnali che qualche cosa non andava si sono avuti verso i tre mesi. La bambina andava in apnea, diventava pallida, sguardo fisso e perdita del tono muscolare per 1 o 2 minuti, poi ritornava come prima.
Ho una bimba di 7 mesi a cui è stata diagnosticata un'"Epilessia parziale complessa". I primi segnali che qualche cosa non andava si sono avuti verso i tre mesi. La bambina andava in apnea, diventava pallida, sguardo fisso e perdita del tono muscolare per 1 o 2 minuti, poi ritornava come prima. Nei successivi tre mesi si sono avute altre crisi simili. In particolare io e mia moglie abbiamo notato che queste crisi si sono verificate nello stesso giorno o in quello seguente alla prima e seconda dose delle vaccinazioni pediatriche obbligatorie (+antiemofilo facoltativa). Durante il ricovero ospedaliero (agosto 2001) sono stati eseguiti i controlli generali che hanno evidenziato le buone condizioni generali della bambina. Una crisi epilettica è stata inoltre registrata e filmata durante l'esecuzione dell'elettroencefalogramma (origine in zona temporale destra). L'esecuzione di Risonanza Magnetica Nucleare non ha evidenziato nessuna anomalia. La bimba è ora in cura con un farmaco e dalla data delle dimissioni non ha più avuto crisi.


I quesiti sono:
La causa delle crisi epilettiche può essere imputata alle vaccinazioni? Io e mia moglie temiamo che in occasione della terza dose del vaccino possano ripresentarsi le stesse reazioni delle volte precedenti. E' quindi il caso di effettuare la terza dose?
E' vero che le epilessie ad esordio infantile tendono a guarire con la crescita? Ringraziando anticipatamente porgo cordiali saluti.


Risposta:


Si tratta di una coincidenza, le vaccinazioni pediatriche non sono legate a fenomeni epilettici. Continui con lo schema secondo quanto previsto. È vero che la prognosi è buona, ci sono vari studi recenti su bambini con epilessia parziale complessa in cui tutti o quasi i bambini risultavano alla fine liberi da sintomi. Un buon esito è ancora più probabile quando lo sviluppo del bambino è normale e quando non ci sono anomalie nella risonanza magnetica.

© 2014 Dr. Reinhard Wilhelm Prior
Informazioni sul sito